Accedi ai contenuti riservati

Registrati |Password dimenticata | Informazioni
Homepage Federottica.org Homepage AdOO

Formazione

Delucidazioni sulla formazione scolastica: le classi di docenza

A seguito di alcuni post apparsi sui social in merito ai concorsi per la docenza nelle scuole di ottica, per evitare la diffusione di informazioni non corrette e fuorvianti, Federottica ritiene necessario chiarire alcuni aspetti.

Gli operatori l’arte ausiliaria sanitaria di ottico possono da sempre insegnare nelle scuole di ottica come “ITP insegnante tecnico pratico” (ex classe di concorso C200) attraverso la disciplina “Esercitazioni pratiche di ottica” composta da:

  1. Esercitazioni lenti oftalmiche
  2. Esercitazioni di optometria
  3. Esercitazioni di contattologia

Inoltre la suddetta classe di concorso prevede la:

  1. Copresenza nella materia di “Ottica” con laboratorio;
  2. Copresenza nel corso di “Anatomia fisiopatologia oculare, laboratorio, misure oftalmiche”;
  3. Copresenza nel corso di “Fisica” per gli altri indirizzi degli Istituti professionali (meccanici, elettrici, moda eccetera).

La ex classe A002 “Anatomia fisiopatologia oculare, laboratorio, misure oftalmiche” era la classe di concorso dei medici laureati con specializzazione in Oculistica: infatti, nei programmi ministeriali vi è compreso “Laboratorio, misure oftalmiche” che è svolto con la collaborazione dell’"ITP" come sopra indicato.

Con la riforma delle classi di concorso (riduzione e accorpamento di classi simili) nel 2011 si stava creando un pasticcio per gli ITP di ottica. Federottica, con il prezioso intervento del Vice presidente nazionale Luigi De Luca, oggi delegato alla formazione, iniziò con moltissima fatica un forte braccio di ferro con il Ministero. Ovviamente i vari passaggi formali sono agli atti.

Con la riforma, infatti, la classe di concorso 20/C veniva accorpata alla 28/C (Laboratorio di fisica anatomica e nucleare) e alla 29/C (Laboratorio di fisica e fisica applica), quindi le materie "nostre" potevano essere insegnate dagli "ITP" di Fisica. Dopo infinite ore di discussione, incontri ed estenuanti telefonate, Federottica inviò una istanza formale al Ministero che venne accolta.

Fu una vittoria di Federottica e di De Luca, in quanto nulla cambiò per gli "ITP" di ottica che continuarono, e continuano anche oggi, ad insegnare quanto a loro spettante perdendo, forse, la sola copresenza in nel corso di “Fisica”, per la quale la nuova classe di concorso è oggi la B07.

La classe di concorso A002, che ricordiamo era ad appannaggio degli oculisti, in quanto solo loro potevano insegnare anatomia agli ottici dal terzo anno in poi, oggi è accorpata alla classe di concorso A040 “Igiene, anatomia, fisiologia, patologia generale ecc.”, sfociando nella classe di concorso A-15 denominata “Discipline sanitarie”.

In conclusione, per la nostra categoria non cambia nulla, mentre è in effetti cambiato qualcosa per i Medici oculisti, nel senso che la materia “Anatomia” negli istituti di ottica, prima a loro data in esclusiva, ora può essere insegnata da un medico generico, un  biologo, un farmacista eccetera, comunque sempre con la copresenza di un “ITP” di ottica.

Come spesso ci capita di sottolineare, Federottica si avvale di professionisti e collaboratori di comprovata esperienza e competenza nelle materie che riguardano la nostra specifica categoria professionale: si consiglia, quindi, di contattare la nostra sede per ricevere informazioni comprovate e, pertanto, corrette ed attendibili.

Aderire a Federottica è importante, perché permette a tutti di contribuire per una corretta informazione, ottenendo di ritorno risposte corrette e supporto concreto come avvenuto, non a caso, in occasione del progetto Sistema TS.


Pubblicato il 23-06-2017 alle 16:20:51 | Stampa