Accedi ai contenuti riservati

Registrati |Password dimenticata | Informazioni
Homepage Federottica.org Homepage AdOO

Attualità

Giovanni Vitaloni è il nuovo presidente Anfao e Mido

È Giovanni Vitaloni, 49 anni, torinese, imprenditore molto apprezzato nel settore, la figura designata a guidare l’Associazione Nazionale Fabbricanti Articoli Ottici (Anfao) per i prossimi quattro anni.

L’Assemblea generale, che si è riunita giovedì 6 luglio, ha eletto Vitaloni quale nuovo presidente Anfao e Mido. Nominato anche il nuovo Consiglio di Presidenza che lo accompagnerà nel percorso: Paolo Pettazzoni, Renato Sopracolle, Lorraine Berton, Nicola Del Din (vicepresidenti) e Cirillo Marcolin (past president). I nuovi vicepresidenti verranno coadiuvati da delegati per specifiche attività: Callisto Fedon per i rapporti con Certottica, Enrico Tormen delegato per la Commissione Tecnica e Nadia Zampol con delega all’internazionalizzazione.

Giovanni Vitaloni, già vicepresidente dell’associazione con delega a Mido, proviene da una famiglia di industriali torinesi, ed è fondatore e amministratore di Nico-design. La sua esperienza è forte di una presenza trentennale nel settore; orientato alla concretezza, la sua squadra di lavoro incarna lo slancio verso le sfide del mercato, mantenendo un legame strategico col distretto territoriale dell’occhialeria.

«Opereremo per migliorare la comprensione delle problematiche d’interesse per tutti gli associati, ispirandoci a 4 valori: trasparenza, coinvolgimento, innovazione, qualità»: è questa la sintesi del programma del nuovo presidente che vuole lavorare in continuità con la presidenza uscente, alle cui linee di sviluppo e realizzazione ha contribuito in veste di vice. «L’impegno degli ultimi 4 anni insieme al presidente Marcolin mi ha offerto la possibilità - spiega Vitaloni - di familiarizzare con la complessità degli obiettivi associativi  e di mettere a fuoco gli interventi prioritari da concretizzare nel corso del mandato, operando soprattutto in ottica di consolidamento di quando già acquisito, ma anche integrando il programma di alcuni elementi novità. Sono onorato di subentrare in un ruolo che, tradizionalmente, ha espresso la rappresentanza di grandi gruppi industriali del Nord-Est. Noi siamo una realtà certamente di un’altra dimensione, oltre che geograficamente localizzata nel Nord-Ovest, ma non di meno impegnata a tenere vivo e costruttivo il rapporto con distretto di riferimento».

Parlando degli obiettivi per il prossimo quadriennio, il neopresidente sottolinea i punti strategici: «La crescita in termini di attrattività e visibilità di Anfao, l’allargamento della base associativa, il rafforzamento della rappresentanza istituzionale e l’ampliamento dell’offerta dei servizi agli associati attraverso la nuova Federazione, il mantenimento e laddove possibile l’incremento delle iniziative di internazionalizzazione sono alcuni punti fondamentali sui quali mi concentrerò a livello associativo.

Costante attenzione verrà dedicata allo sviluppo delle attività commerciali e di comunicazione legate a Mido, fiore all’occhiello del sistema e patrimonio inestimabile per tutte le aziende associate.

Ringrazio il presidente uscente per l’impulso – continua Vitaloni – che ha dato al settore e alla crescita dell’associazione: continueremo a lavorare insieme per far crescere una realtà moderna, che sappia viaggiare alla velocità delle imprese, rendendosi ad esse utile, e di un mercato in continua evoluzione».

Il nuovo presidente succede a Cirillo Marcolin: «Sono molto contento di passare il testimone a Giovanni che mi ha affiancato in questi anni cruciali per l’Associazione. In questo mio ultimo mandato Anfao – commenta il presidente uscente – ha cambiato passo raggiungendo traguardi importanti, frutto del lavoro di tanti anni: la nascita di Confindustria Moda e l’imminente trasferimento nella nuova sede che ospiterà i comparti del mondo fashion, l’impulso all’internazionalizzazione del settore, la conferma della leadership di Mido a livello internazionale, la conclusione dell’accordo con le parti sociali che riguarda la nuova classificazione del personale del settore occhialeria, il riconoscimento Onlus della Commissione Difesa Vista di cui siamo da sempre promotori e, non ultima, la partecipazione societaria in DaTE, elemento molto importante che dà ulteriore prestigio al nostro sistema».

La prima sfida del nuovo presidente sarà appunto il debutto a Firenze (23-25 settembre) di DaTe, l’evento dedicato agli occhiali più innovativi, e poi ancora l’edizione 2018 di Mido (Milano, 24-26 febbraio), prima fiera mondiale del settore.


Pubblicato il 07-07-2017 alle 10:54:00 | Stampa