Accedi ai contenuti riservati

Registrati |Password dimenticata | Informazioni
Homepage Federottica.org Homepage AdOO

Legale

Affermazione di Anfao nella lotta alla contraffazione

«Grande soddisfazione per il risultato conseguito a tutela dei diritti di proprietà intellettuale dei nostri associati avanti il Tribunale penale di Roma». Lo scrive Anfao in una nota per commentare la pena esemplare inflitta a un gruppo criminale che è stato condannato per contraffazione.

«Accurate indagini della Guardia di Finanza di Roma – prosegue la nota - avevano permesso il sequestro di migliaia di occhiali contraffatti, detenuti in abitazioni e magazzini, nella disponibilità dei condannati; da qui le accuse di contraffazione di marchi e ricettazione. Le condanne, fino a sette anni di reclusione, sono state inflitte ad una compagine criminale, di nazionalità cinese, dedita alla contraffazione di noti marchi della moda e del lusso».

Anfao, che si è costituita parte civile nel procedimento penale, rappresentata dall’avvocato Daniela Mainini del Foro di Milano, ha quindi ottenuto giustizia. «Oltre al risarcimento del danno da liquidarsi in sede civile, gli imputati sono stati condannati a versare una cospicua somma a titolo di provvisionale. Il Tribunale ha, altresì, ordinato la confisca e distruzione dei prodotti contraffatti, la pubblicazione della sentenza sul sito del Ministero di Grazia e Giustizia e l’interdizione di tutti gli imputati dai pubblici uffici per la durata di 5 anni».

Una sentenza accolta con favore dal presidente Anfao Giovanni Vitaloni: «Sette anni di reclusione e una provvisionale per Anfao quantificata in 20mila euro – dichiara – dimostrano la crescente sensibilità della Magistratura Italiana verso il fenomeno della contraffazione e premiano il fondamentale ruolo dell’Associazione come soggetto avente diritto al risarcimento del danno».

«Una pena esemplare in materia di lotta alla contraffazione – aggiunge l’avvocato Daniela Mainini – che è di fondamentale importanza a fronte di un reato spesso sottostimato, ma estremamente pericoloso, in quanto collegato con la criminalità organizzata».


Pubblicato il 29-11-2017 alle 16:48:10 | Stampa