Accedi ai contenuti riservati

Registrati |Password dimenticata | Informazioni
Homepage Federottica.org Homepage Federottica.org

Fiscale

Indicazioni di carattere fiscale (chiusure e registratori telematici) nei giorni dell'emergenza sanitaria

Con l'ultimo decreto dell' 11 marzo 2020 è stato stabilito, con l'allegato 1, che il commercio al dettaglio di materiale per ottica rientra tra le attività che possono rimanere aperte in quanto "di prima necessità". Questo non deve far dimenticare che, per poter garantire l'apertura, devono essere garantite tutta una serie di condizioni per la messa in sicurezza dei lavoratori del centro ottico (compreso il titolare) e della clientela.

Nel caso in cui non si riescano a garantire le misure di sicurezza è opportuno che il centro ottico resti chiuso. Di conseguenza, poiché le normative generali richiamano le attività sotto controllo comunale è doveroso, prima di chiudere, contattare il Comune sul quale territorio si esercita per chiedere se la chiusura necessita di qualche comunicazione preventiva.

In merito all'utilizzo del registratore telematico, nel periodo di chiusura, occorre invece accertarsi (tramite l'area tematica all'interno del sito di Agenzia delle Entrate - Fatture e Corrispettivi) se il registratore telematico (preventivamente predisposto) ha effettuato delle chiusure giornaliere a zero oppure sia stato predisposto per comunicare una chiusura temporanea.

In alternativa, alla ripresa dell'attività, accertarsi che il registratore telematico abbia segnalato la chiusura dalle ore "X" del giorno "Y" alle ore "A" del giorno "B" prima della ripresa. Solitamente i registratori telematici prima di riprendere l'attività richiedono se si è stati "Inattivi" e quindi rispondendo "SI" (seguendo le ordinarie procedure) viene certificato il mancato utilizzo dello strumento e con esso la mancata emissioni di scontrini telematici. Anche in questo caso si consiglia di contattare l'azienda che ha provveduto all'installazione e configurazione.

Infine per quanto concerne le voci di proroga delle scadenze fiscali (compresa quella di lunedì 16 marzo), la cassa integrazione speciale, la sospensione dei mutui, dei finanziamenti, il sostegno alla liquidità, al mancato pagamento degli affitti e quant'altro, occorre attendere la pubblicazione definitiva del decreto che il governo sta preparando.

Guseppe Piazzolla, Ragioniere Commercialista e Consulente fiscale Federottica


Pubblicato il 13-03-2020 alle 18:30:14 | Stampa