Accedi ai contenuti riservati

Registrati |Password dimenticata | Informazioni
Homepage Federottica.org Homepage Federottica.org

Fiere

Opti 2020, edizione positiva guardando a Stoccarda

Si è chiusa domenica 12 gennaio, a Monaco di Baviera, la manifestazione tedesca che tradizionalmente apre la stagione fieristica internazionale. Un’edizione positiva per Ghm, società organizzatrice della fiera, e che ha presentato alcune novità, come la collocazione nei sei nuovi padiglioni e l’avvio dell’alternanza con Stoccarda, città che ospiterà Opti negli anni dispari per un triennio. L’attenzione al futuro è stata uno dei fili conduttori dell’edizione 2020. Dieter Dohr, presidente del cda di Ghm, durante la conferenza stampa inaugurale di venerdì 10 ha, inoltre, evidenziato la centralità di un luogo fisico di incontro – la fiera – da affiancare al mondo dei social, che rappresentano un volano sempre più forte in termini di comunicazione e partecipazione.

I numeri di Opti sono stati in linea con l’edizione 2019, con la partecipazione di circa 28mila visitatori arrivati da 93 stati e un leggero incremento delle presenze internazionali. Opti ha messo a disposizione 60mila metri quadri di spazi in cui hanno trovato posto oltre 600 espositori di 39 paesi. I sei padiglioni hanno ospitato nei tre padiglioni dal C1 al C3 l’occhialeria, riservando il padiglione C4 alle strumentazioni, il C5 alle lenti oftalmiche e il C6 alla contattologia. Una suddivisione che, da un lato, ha ben identificato le diverse aree, dall’altro ha reso la visita un po’ meno fluida, nonostante i due ingressi alla fiera ai due lati opposti della struttura, concentrando la presenza di operatori del settore maggiormente nell’area dedicata all’occhialeria.

La fiera ha offerto una vetrina sul settore, grazie alla presenza in fiera di aziende di tutte le categorie merceologiche, e realizzato numerosi incontri formativi e di approfondimento all’interno dello spazio Opti Forum e ha confermato soprattutto la sua vocazione al business, con tre giorni di frenetici contatti e incontri tra aziende e operatori del settore. L’attenzione si sposta ora al prossimo anno e all’inizio dell’alternanza con Stoccarda, resasi necessaria per la presenza a Monaco, negli anni dispari, di Bau, salone dell’architettura biennale che occupa l’intera area fieristica bavarese. Una contemporaneità che ha reso necessario lo spostamento fisico di Opti in altra sede. Resta da vedere come questo spostamento verrà vissuto dagli operatori del settore. Per scoprirlo, l’appuntamento è fissato a Stoccarda dall’8 al 10 gennaio 2021.


Pubblicato il 13-01-2020 alle 17:10:28 | Stampa