Accedi ai contenuti riservati

Registrati |Password dimenticata | Informazioni
Homepage Federottica.org Homepage Federottica.org

Attualità

Coronavirus: commento al DPCM del 22 marzo 2020 (con aggiornamenti)

In queste ore è stato firmato il DPCM 22 marzo 2020 che definisce le ulteriori misure urgenti di contenimento del contagio da Coronavirus sull'intero territorio nazionale. Lo stesso era stato annunciato dal Premier Conte nella serata di ieri.

Tenendo conto della cautela determinata dal fatto che non è ancor stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale (poi pubblicato sulla GU Serie Generale n. 76 del 22-3-2020 ndr), ma viste le innumerevoli richieste di delucidazioni pervenute nei nostri uffici, si fa presente che il dispositivo riporta che: "sono sospese tutte le attività produttive, commerciali e industriali, ad eccezione di quelle indicate all'allegato 1 e salvo quanto di seguito disposto". Nell'allegato 1 non si fa menzione delle attività di commercio al dettaglio.

Seguendo però il testo, nello stesso punto (art.1 comma 1 lettera a) il Decreto precisa che "Resta fermo, per le attivita' commerciali, quanto disposto dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 11 marzo 2020 e dall'ordinanza del Ministro della salute del 20 marzo 2020".

Pertanto, cosi come riportato dallo stesso testo, per le attività di commercio al dettaglio viene confermato quanto disposto dal precedente DPCM dell’11 marzo scorso il quale, nell'allegato 1 "Commercio al dettaglio", contemplava  la nostra categoria, considerandola attività di vendita di generi di prima necessità.

Ne risulta pertanto che i Centri ottici, su base volontaria, possono rimanere aperti. Questa lettura è in linea anche con la recente ordinanza del 22 marzo 2020 della Regione Lombardia.

A riconferma l'art.2 comma 1 recita testualmente: "Le disposizioni contenute nel nuovo DPCM producono effetto dal 23 marzo sino al 3 aprile prossimo. Le stesse si applicano, cumulativamente a quelle di cui al decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 11 marzo 2020 nonche' a quelle previste dall'ordinanza del Ministro della salute del 20 marzo 2020 i cui termini di efficacia, gia' fissati al 25 marzo 2020, sono entrambi prorogati al 3 aprile 2020.

Si riporta inoltre sul Decreto che le imprese le cui attività non sono state sospese devono rispettare i contenuti del protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro sottoscritto il 14 marzo 2020 fra il Governo e le parti sociali. Queste sono state già commentate in un precedente comunicato sul sito www.federottica.org.

Come già sottolineato più volte, ribadiamo comunque l'importanza di fare riferimento anche alle eventuali indicazioni emanate delle Regioni, Province, Comuni e Prefetture di competenza territoriale, le quali possono intervenire, visto che siamo in una situazione di emergenza nazionale, con norme ulteriori.

Aggiornato il  24 marzo 2020 : ore 10:08

Riportiamo il link al sito della Gazzetta ufficiale con la raccolta degli atti riguardanti l'emergenza sanitaria in atto: https://www.gazzettaufficiale.it/dettaglioArea/12

Aggiornato il 25 marzo 2020 : ore 12:23


Pubblicato il 22-03-2020 alle 21:37:09 | Stampa