Accedi ai contenuti riservati

Registrati |Password dimenticata | Informazioni
Homepage Federottica.org Homepage Federottica.org

Attualità

Anfao, azioni concrete per far ripartire il mercato

È ciò a cui sta lavorando e proponendo Anfao (Associazione nazionale fabbricanti articoli ottici) per contrastare le difficoltà organizzative ed economiche dovute alle conseguenze derivate dall’emergenza sanitaria mondiale. «Un mercato il nostro sostenuto al 90% dalle esportazioni che ha subito una battuta d’arresto inaspettata a causa del dilagare della pandemia da Covid-19, non solo in Italia ma in tutto il mondo. Abbiamo dovuto arginare questa situazione con lucidità e tempestività guardando al presente per risolvere le criticità contingenti e al futuro per rimettere in moto la macchina del settore occhialeria», afferma in una nota Giovanni Vitaloni, presidente Anfao.

L’associazione è attiva con una serie di azioni a supporto delle imprese, che porta avanti con le istituzioni locali e nazionali, a partire dalla partecipazione attiva ai tavoli promossi dal Maeci e dal Mise: «Sono stati chiesti al Presidente del Consiglio dei Ministri, ai Ministri competenti, a Ice e a Regione Lombardia provvedimenti urgenti a sostegno delle imprese: un sostegno in termini di liquidità, di riconoscimento di rimborsi per le fiere all’estero e in Italia, lo snellimento delle procedure di accesso alle misure, la proroga della cassa integrazione e lo studio di un piano di internazionalizzazione alternativo a quello esistente». E ancora, la richiesta di svincolo per le gare di acquisto pubbliche dei Dpi, «in merito alle aziende che hanno convertito la produzione ai Dpi richiesti dal sistema sanitario, primi fra tutti gli occhiali protettivi, è stato chiesto che le gare di acquisto pubbliche vengano svincolate dal limite del prezzo al 31/12/2019 (che si riferisce a produzioni asiatiche), in modo da agevolare il prodotto italiano».

In tema di valorizzazione delle manifestazioni e internazionalizzazione del settore occhialeria, «Mido ha promosso le iniziative con Ice (Agenzia di promozione all’estero e l’internalizzazione delle aziende italiane) verso un nuovo piano di promozione dell’internazionalizzazione che possa partire al più presto. L’obiettivo – si legge nella nota - è di offrire alle aziende italiane la concreta possibilità di riproporsi sui mercati internazionali attraverso nuovi strumenti e iniziative, a costi zero». In merito al rinvio di Mido al 2021, l’associazione fa sapere che «è stata impegnata con Fiera Milano per minimizzare le spese già sostenute e avviare una politica di rimborso verso gli espositori al fine di ottenere il risultato più soddisfacente possibile, compatibilmente con le condizioni contrattuali». In concomitanza, da marzo è attiva la piattaforma virtuale e gratuita Mido4U che mette in contatto espositori e buyer. Per quanto riguarda Date 2020 (settembre/ottobre) «si sta lavorando su diversi scenari possibili al fine di identificare un nuovo modello di esposizione utile sia agli espositori, sia ai visitatori».

Sui temi salvaguardia della salute della vista e sanificazione del prodotto occhiale durante l’emergenza Covid-19, Anfao e Commissione Difesa Vista Onlus insieme hanno sviluppato alcuni importanti interventi, tra cui figura quella di incentivare il traffico presso gli ottici, mentre sono allo studio procedure e protocolli di sicurezza per la sanificazione e l’igienizzazione del prodotto occhiale e degli strumenti di ottica e oftalmologia «per i quali è stata chiesta la validazione presso il Ministero della Salute».


Pubblicato il 26-05-2020 alle 17:05:14 | Stampa