Accedi ai contenuti riservati

Registrati |Password dimenticata | Informazioni
Homepage Federottica.org Homepage Federottica.org

Normativa

Garante della privacy: è vietato registrare la temperatura degli utenti

A seguito di alcune richieste di chiarimento ricevute alla nostra segreteria nazionale, confermiamo che a luglio 2020 il Garante della Privacy italiano ha prodotto un documento, che riportiamo in allegato, con le indicazioni per la gestione degli utenti anche da parte dei Centri ottici.

Il documento, in merito alla rilevazione dei dati, conferma che le disposizioni adottate nella fase emergenziale consentono di misurare la temperatura degli utenti (clienti), ma i dati rilevati non possono essere né trascritti, né conservati, né possono essere associati ad altri dati e, in ogni caso, deve essere evitata la comunicazione a terzi.

Al fine di garantire la riservatezza dei dati raccolti, il Garante precisa che la temperatura deve essere rilevata solo da soggetti espressamente autorizzati (formalmente autorizzati) e che non può essere resa nota a terzi, ma deve essere comunicata solo all’interessato.

Per quanto riguarda invece la raccolta dei dati sullo stato di salute degli utenti è possibile invece utilizzare un apposito modulo di autocertificazione (es. scheda triage). I dati raccolti devono essere limitati a verificare l’assenza di contatti con persone positive al Covid-19, all’inesistenza di obbligo di quarantena e alla non provenienza da zone a rischio epidemiologico. In questo caso il Garante precisa che è ammessa la conservazione e che i dati possono essere conservati per 14 giorni, come previsto dalle disposizioni emergenziali. Sulla durata di conservazione è comunque importante fare riferimento ad eventuali ulteriori indicazioni emesse dalle Autorità locali.

Sul modulo di autocertificazione sarà necessario indicare come finalità la prevenzione del contagio e, come base giuridica, l’implementazione dei protocolli di sicurezza anti contagio (aggiornando di conseguenza il Registro dei trattamenti).

Per completezza si chiarisce ulteriormente che i dati relativi allo stato di salute e i nominativi dei clienti possono essere comunicati alle Autorità sanitarie per motivi di prevenzione sulla salute pubblica, mentre la temperatura rilevata non può essere, in nessun caso, comunicata a terzi non essendo prevista la registrazione.

In tutti i casi l'informativa può essere comunicata oralmente.

In caso di violazione della disciplina sulla protezione dei dati trovano applicazione le sanzioni pecuniarie previste dal Regolamento europeo 2016/679. In caso di violazione della disciplina sulla protezione dei dati trovano applicazione le sanzioni pecuniarie previste dal Regolamento europeo 2016/679. Per ogni indicazione fare sempre riferimento al sito dell’Autorità Garante https://www.garanteprivacy.it/.


Pubblicato il 27-07-2020 alle 12:13:19 | Stampa